Marketing

L’eCommerce non si ferma, nel 2022 la corsa continua a doppia cifra

Una cosa è indubbia: dal 2022 sarà impossibile fare business senza siti al 100% mobile responsive. Un’evoluzione inevitabile che la pandemia ha esponenzialmente accelerato. I numeri parlano chiaro e registrano come nell’ultimo anno il valore dell’eCommerce abbia cominciato una corsa a doppia cifra senza nessuna intenzione di fermarsi. Anzi, si prevede che presto arriverà a toccare i 39 miliardi di euro.

L’ampliamento dell’utilizzo di internet è stato determinante: l’83% della popolazione oggi non può farne a meno. Ad aggiungerne rilevanza, poi, gli acquisti online che negli ultimi dodici mesi sono aumentati del 5%. Il dato interessante non è tanto la crescita, ma quanto questo fenomeno abbia consolidato il legame tra i customers e i brand a cui erano già fidelizzati.

E anche se il segreto del successo non ha una ricetta universale, essere in grado di anticipare i tempi è sicuramente un ottimo ingrediente. Per questo motivo abbiamo analizzato la direzione in cui il settore dell’eCommerce continuerà a aumentare di valore.

  • L’omnicanalità giocherà un ruolo fondamentale.

Intesa come la perfetta integrazione e continuità tra l’online e l’offline. Nel 2022 sarà necessario che le reti di negozi donino al cliente la possibilità di offrire la stessa esperienza su ogni singolo touchpoint. Ciò significa riuscire ad attirarlo non solo sulle piattaforme, ma anche nel luogo fisico, ampliando continuamente le opportunità di scelta. Un esempio può essere la possibilità di acquistare in store un prodotto non immediatamente disponibile per riceverlo, poi, a casa.

  • L’Augmented e la virtual reality dovranno essere sempre più efficaci.

Diverse nel pratico, simili nell’essenza, AI e VR diverranno sempre più lo strumento a servizio del consumatore per osservare e provare i brand prima di acquistarli effettivamente. Se la prima offre la possibilità di visualizzarne le componenti direttamente sul telefono o il pc - qualora si trattasse per esempio di un elemento di arredo - la seconda propone una vera e propria experience, in gradi di far indossare virtualmente il prodotto per una decisione più approfondita.

  • Il social commerce, le live streaming e il mobile shopping: tre punti chiave.

Sentirsi sicuri nella propria comfort zone sarà la parola d’ordine per chi compra. È stato dimostrato che il consumatore preferisce per praticità utilizzare il proprio smartphone rispetto al pc, se poi ha la possibilità di farlo sulle piattaforme più utilizzate ancora meglio. L’eCommerce per essere funzionale deve essere a contatto diretto con il cliente e quindi riuscire a creare un sistema di integrazione con gli utenti finali: in questo senso le presentazioni live streaming sono un’ottima strategia.

  • I metodi di pagamento adatti al cliente.

Anche le classiche carte di credito possono sembrare obsolete. Il futuro vede mille nuovi modi per completare la transizione. Si stima che un’innovazione strategica sarà quella di abbracciare il cosiddetto “compra ora, paga dopo”, permettendone l’acquisizione e quindi l’utilizzo immediato, ma con la possibilità di rateizzarne la spesa nel tempo. Una metodologia che, secondo studi specifici, porterà un aumento dello scontrino medio del 4.2% entro il 2024.

  • Lo sguardo sostenibile.

Ultima, ma non per importanza, l’attenzione all’ambiente. L’elemento di fondo non deve essere solo il materiale del prodotto in sé, anche l’imballaggio con cui viene protetto durante il viaggio è fondamentale. Ancor di più, poi, il mezzo con il quale verrà trasportato: dettagli a cui il cliente pone lo sguardo e talvolta ne determina la scelta.